Sposa lab: consigli, idee e segreti per diventare una sposa speciale!

Galateo dell’invitato perfetto: piccolo vademecum per essere un ospite perfetto

marzo 16, 2018


I protagonisti del matrimonio sono gli sposi, ma anche gli ospiti rivestono un ruolo importantissimo. A partire dai familiari, testimoni e amici stretti fino a quelle che potremo definire ‘comparse’, ogni figurante ha un ruolo preciso nell’evento. (qui in alto trovi la diretta Instagram in cui ho parlato di questo argomento!)

I ‘movimenti’ degli ospiti, il loro aspetto e il loro comportamento sono un fattore importante nella riuscita dell’evento, per questo è importante in qualche modo guidarli e averli sotto controllo e come wedding planner ti consiglio di farlo da subito.

Forse non esiste un specifico galateo per l’invitato al matrimonio ma per essere degli ospiti impeccabili, o quantomeno per non incorrere in gaffe disturbando l’andamento dell’evento, occorre seguire qualche piccola regola di buon senso e discrezione.

Dall’altra parte gli sposi devono mettere nelle condizioni gli ospiti di essere a proprio agio e non incorrere in incomprensioni attraverso un’organizzazione impeccabile. Ho stilato un piccolo vademecum, eccolo!

  • L’invito e le partecipazioni di nozze 

E’ questo il primo contatto tra sposi e ospiti: la partecipazione di nozze.

Da parte della sposa il consiglio è: stai attenta a come intesti la busta, se vuoi invitare solo Franco e Marella Bianchi ma non tutta la prole, scriverai solo ed esclusivamente i loro nomi senza riferimento alla famiglia. Inviale col giusto anticipo (almeno un mese e mezzo prima della data del matrimonio) e inserisci la dicitura RSVP nell’invito.

Se sei un ospite sappi che dare conferma per 5, quando l’invito è intestato a 2 persone, è quantomeno sconveniente, quindi accertati di chi siano realmente gli invitati. E’ buona norma, non appena ricevuto l’invito via posta, chiamare gli sposi e congratularsi con loro per la notizia: in questa occasione o più in là, ci si informa su dove è stata aperta la lista nozze. (* vai a Regali)

Ma soprattutto ricordati che confermare con largo anticipo la vostra presenza o assenza è obbligatorio, non aspettare ti chiamino gli sposi.

  • L’outfit per gli invitati al matrimonio

Io non amo l’indicazione del dress code all’interno della partecipazione: dal mio punto di vista l’autenticità della festa e il piacere di avere con sé gli ospiti viene prima di tutto e capisco che alcuni ospiti potrebbero non avere la possibilità di acquistare un nuovo abito per l’occasione.

Se sei una sposa che ci tiene e vuoi dare suggerimento ai tuoi invitati, puoi in modo gentile e informale, al momento dell’invito, comunicare a voce per esempio che sarà un matrimonio molto colorato e ti piacerebbe che anche gli ospiti entrassero nel mood.

Ma è dovere degli ospiti presentarsi all’evento con un aspetto curato ed elegante.

Evitiamo il total black, ma anche il bianco è vietato perché è il colore della sposa (e a maggior ragione se la sposa non è in bianco). Se sei in difficoltà perché costretta per vari motivi a indossare un tubino nero, fai di tutto per smorzarlo con gli accessori: un capo spalla colorato, un foulard, una spilla vistosa, insomma fai qualcosa!

Per semplificare è meglio non attirare troppo l’attenzione, con scollature, gonne troppo corte, luccichii da Capodanno: riserva il tuo lato sexy ad altre occasioni e lascia il ruolo di protagonista esclusivamente alla sposa.

Fai attenzione anche all’orario del matrimonio, evita abiti lunghi, strass & co al mattino e anche la sera modera con cura questi elementi perché non si tratta di un evento di gala, ma di una cerimonia!

  • La funzione (Chiesa o Municipio)

Se sei un ospite, ti prego: non arrivare in ritardo alla cerimonia e fatti trovare nel banco all’entrata della sposa, in modo che quando percorrerà la navata al braccio del papà vi vedrà tutti lì, in ordine, ad aspettarla. E se comunque arrivi in ritardo, NON METTERTI MAI dietro di lei quando sta entrando, rovinerai tuo malgrado tutte le foto.  Aspetta che gli sposi si siano salutati e solo dopo qualche minuto trova l’ingresso più defilato e siediti in silenzio.

Per combattere i ritardatari come sposi potreste adottare l‘escamotage di anticipare, sulla partecipazione, l’orario della funzione di un quarto d’ora, ma lo sconsiglio nel caso del matrimonio in chiesa. Infatti gli ospiti organizzati o che conoscono le buone maniere (spesso i più anziani) arrivano con anticipo. Non obbligarli ad aspettare più del previsto, avranno ragione a spazientirsi.

Puoi comunque assicurarti prima che tutti siano puntuali comunicando loro eventuali criticità e suggerimenti utili (il parcheggio più vicino, oppure una mappa da allegare alla partecipazione). Ricorda che siccome sei la sposa, puoi permetterti 10 minuti di ritardo!

Terza possibilità: una wedding planner che butti dentro tutti e non faccia uscire la sposa dall’auto finché ogni persona non sarà seduta al proprio posto!

  • Le foto: non sovrapporti ai professionisti

Ormai nessuno resiste alla tentazione di fare una foto ricordo agli sposi col proprio smartphone, addirittura alcuni si cimentano anche con macchine fotografiche reflex  per l’occasione.

Se sei un ospite rifletti su questa cosa: gli sposi hanno incaricato dei professionisti di realizzare il reportage fotografico, stanno spendendo dei soldi per questo e intralciare il loro lavoro è molto più semplice di ciò che si può pensare, anche senza volerlo.

Inoltre ritengo importante che gli sposi godano il momento insieme agli ospiti, abbracciandoli e guardandoli negli occhi, sempre più spesso invece il tutto è filtrato dallo schermo dell’iphone che rende tutto più freddo e distaccato.

Cosa puoi fare come sposa? Poco, ma puoi sempre nei giorni prima dell’evento spiegare queste ragioni agli invitati che sentirai e dire che almeno per il momento della funzione vorresti che ognuno stesse al suo posto senza fare foto!

  • Ricevimento: galateo e buon senso

Sei un ospite allo stesso modo di quando sei invitato a cena da un amico devi fare solo una cosa: apprezzare il cibo, ringraziare per l’invito, goderti la serata che ti è stata offerta con tanti sacrifici, essere felice di condividere quel momento. E ricordati, non è una puntata di Masterchef o di Quattro Matrimoni, il galateo impone di non fare argomento di discussione del menu scelto dagli sposi, del servizio in sala, se proprio non resisti ci sarà occasione in privato.

E’ severamente vietato chiedere di essere spostati dal tavolo che vi è stato assegnato, il galateo dell’invitato perfetto non lo consente.

Fai uno sforzo e non andare via prima del taglio della torta.

Da sposi avete il dovere di curare il banchetto tenendo a mente anche chi sono i vostri invitati e quali pietanze potrebbero gradire di più: se siete due fanatici di sushi ma sapete che entrambe le vostre famiglie non lo gradiscono, sarà il caso di scegliere delle pietanze più tradizionali, no?

State attenti anche all’ assegnazione dei posti a tavola, scegliendo con cura chi far sedere con chi e dove. Chiedete all’ event manager della location se c’è un tavolo più caldo, uno più fresco magari soggetto a corrente, dove sarà posizionata la musica etc.. e collocate gli ospiti con senso pratico. Non fatevi condizionare da parenti e amici perché rischiate di dover riprendere in mano la mappa per infinite volte.

Attenzione anche alla lumghezza del ricevimento per evitare il fuggi fuggi già prima della torta

  • I Regali del matrimonio: lista nozze o libero?

Caro Ospite, se gli sposi hanno aperto una lista nozze classica o una lista viaggio di nozze, ci sarà pure un motivo: segui la loro indicazione e accontentali, non presentarti con nient’altro. Se non hanno aperto nessuna lista è tuo dovere informarti sul tipo di regalo che gradiscono di più, per non rischiare di spendere i tuoi soldi in un oggetto bellissimo che rimarrà nella loro cantina per sempre. Dovrai recapitare il tuo regalo di matrimonio prima del grande giorno. Più è ingombrante il pacco, più sarà un impiccio doverlo sistemare in location per tutto il tempo del banchetto, e da portare via da parte degli sposi.

Cari Sposi, il galateo dice NO a infilare il bigliettino da visita della agenzia di viaggi all’interno della partecipazione. E anche a inserire qualsiasi dicitura che riguardi un regalo che, tra l’altro in teoria non è dovuto perché ciò che è più importante è la presenza. D’altra parte sono molto favorevole alle liste nozze e ai regali ‘in busta’ e consiglio agli sposi di essere chiari nel rispondere alla domanda ‘cosa gradite come regalo’? comunicando appunto di cosa si ha bisogno senza imbarazzo.

Concludiamo questo vademecum sul galateo degli invitati al matrimonio con una riflessione:

Meglio sarà organizzato l’evento facendo caso a queste e tante altre piccole cose, più anche gli ospiti se ne sentiranno parte integrante rispettando il galateo dell’invitato perfetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *