Professione wedding

Capacità di problem solving, celo o manca?

By on maggio 9, 2017

Sarà perché la capacità di ‘problem solving‘ la si richiede spesso negli annunci di lavoro in cui ai candidati si pretendono moltissime abilità per poi offrire compensi miseri. Sarà che l’inglese a volte suona un po’ saccente, non so perché altro, ma devo ammettere che questo modo di dire mi è sempre suonato un po’ antipatico.

Poi qualche tempo fa, alla fine di una giornata di lavoro interminabile, mentre cercavo di prendere sonno e tiravo le fila dell’evento e delle 15 ore di lavoro precedenti (sì, hai capito bene)  nella mia mente si è materializzata questa frase: ‘oggi non ho fatto altro che risolvere problemi!‘.

E da qui l’illuminazione: non solo il ‘problem solving’ è utile, ma il mio lavoro consiste in larga parte a trovare la migliore soluzione per gli infiniti interrogativi, dubbi e problemi che si susseguono nelle lunghe giornate di lavoro.

Subito dopo ho deciso di fare pace con questo modo di dire, analizzare questa capacità così preziosa e farne una risorsa per il mio business e la mia vita (e la mia salute mentale). Ho deciso quindi di condividerla con te, perché è un’attitudine con cui prima o poi devi fare i conti, quindi meglio prima!


Ma che cosa vuol dire problem solving?

Continue Reading

Branding & Wedding

La sposa ideale: chi è e come trovarla

By on maggio 2, 2017

Sembra il titolo di un film di Woody Allen ma è solo la trasposizione in ambito wedding di un concetto che mi sta molto a cuore, quello di cliente ideale, uno dei capisaldi del marketing attuale.
L’ho introdotto qualche settimana fa con un post sul target (trovi il link fra le risorse alla fine dell’articolo), anche io ci sto lavorando parecchio perché sto scrivendo proprio in questi giorni il modulo del percorso online che lancerò entro l’anno.

Infatti una delle primissime cose a cui ti consiglio di pensare se sei nella fase in cui stai mettendo nero su bianco il tuo sogno per farlo diventare un progetto e poi un’attività nel settore dei matrimoni (ma anche se sei già avviata, ma questo esercizio non l’hai mai fatto) è definire per davvero a chi ti rivolgi, chi è il cliente per il quale stai creando la tua offerta e stai mettendo in piedi tutto il tuo progetto.

Chi è la sposa ideale?

 


Non è semplicemente una ragazza che ha deciso di sposarsi, oppure una sposa che vive o si sposerà nella zona in cui hai l’attività. Puoi considerarla un po’ l’incarnazione di colei che ha esattamente i problemi e desideri che tu risolvi ed esaudisci attraverso i tuoi servizi.
Insomma è proprio lei, che ama il tuo stile e ci si ritrova, ha bisogno del prodotto che tu proponi e soprattutto viaggia nella tua stessa lunghezza d’onda.

A differenza del target, che si può definire un campione di persone reali, per cliente ideale (nel nostro caso sposa), si intende un personaggio verosimile da creare per rivolgersi a lui ogni qual volta si sta definendo una parte del proprio progetto.

Continue Reading

Professione wedding

Perché odio il detto: Scegli il lavoro che ti piace e non lavorerai neanche un giorno della tua vita!

By on aprile 13, 2017

Comincio con una confessione: anche io, quando sognavo la mia figura di wedding planner in tailleur che impartiva ordini a destra e a manca tipo Signorina Rottermaier e si muoveva leggiadra fra mazzi di fiori costosissimi, candelabri d’argento e tovagliato di lino, ero convinta che un lavoro così bello e piacevole sarebbe stato anche relativamente ‘facile’ tanto da considerarlo un lavoro solo a metà.

Insomma, ero sicura che scegliendo e in un certo senso costruendomi il lavoro che tanto sognavo, sarebbe stato un lavoro sui generis, più piacevole che faticoso, più divertente che impegnativo, più soddisfacente che sacrificante.

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno della tua vita


Allora oggi il consiglio più sincero che posso darti se stai avviando l’attività dei tuoi sogni, è quello di non farti fregare nemmeno un momento da colui (secondo me è un uomo) che ha inventato questo proverbio fraudolento!

Continue Reading

Professione wedding

Come trovare ispirazione ogni giorno della tua vita

By on aprile 3, 2017

Un luogo comune sul concetto di ispirazione vuole che sia un’illuminazione imprevista, un’idea che ti sorprende quando meno te l’aspetti e attraverso la quale magicamente la tua mente trasforma i pensieri in poesia, opere d’arte o fantastici progetti creativi. O idee imprenditoriali  di successo.

Questo in parte è vero, ma io credo che per far sì che ciò avvenga  la nostra immaginazione debba essere continuamente nutrita, perché è grazie agli impulsi esterni che si smuoveranno i giusti tasti per dare il via al processo creativo!

Ma come faccio a preparare la mia mente all’ispirazione, ogni giorno?

La inserisco nel mio flusso di lavoro

Se tu pensi all’ispirazione come qualcosa di sconclusionato e folle forse ti suonerà strano, ma per me cercarla è una vera e propria attività che fa parte del mio flusso di lavoro, importante quanto la contabilità e i rapporti con i clienti. Quindi nei periodi più impegnativi, la metto in agenda!

Ma il vero segreto è inserire la ricerca di ispirazione nella propria routine quotidiana, così da avere ogni giorno la possibilità di scoprire qualcosa di nuovo che potrebbe determinare l’accensione di quella famosa lampadina!


Continue Reading

Branding & Wedding

Le coppie di sposi non sono il tuo target!

By on marzo 29, 2017

 

Lo ammetto: quando ho iniziato il mio percorso come wedding planner (e donna che lavora in proprio), la domanda ‘qual è il target a cui mi rivolgo?‘ non me la facevo nemmeno, era così ovvio… le coppie di sposi!


Così ho partecipato a fiere del settore, promosso la mia attività nel quotidiano regionale, progettato insieme ad un grafico l’immagine coordinata, tutto questo senza avere consapevolezza di chi erano davvero i clienti che avevano bisogno proprio di me e dei miei servizi.

Mi rivolgevo a tutte le coppie di sposi in circolazione, sicura che avrei potuto accontentare qualsiasi sposa, con qualsiasi esigenza e modellare i miei servizi a suo favore, senza perdere nemmeno un contatto.  Ma mi sbagliavo, ahh quanto mi sbagliavo!

Me ne sono accorta a mie spese, buttando via un bel po’ di soldi, costretta a fare dei cambi di rotta in itinere, rischiando di perdere la fiducia in me stessa con coppie di sposi che mi facevano perdere un sacco di tempo per poi abbandonarmi per ‘fare da soli’ e quindi l’entusiasmo che mi aveva spinto a investire sul mio progetto.

Continue Reading