Bullet Journal | Strumenti per organizzare il tuo business

Il Bullet journal del matrimonio: l’agenda personale della sposa

By on marzo 20, 2018

Il Bullet Journal della sposa è un’agenda super personalizzata. Si parte da un taccuino vergine e lo si trasforma in un organizer top, inserendo liste, calendari, annotazioni, tracking e qualsiasi altro strumento utile per la propria organizzazione [Ne scrivo qui: Cos’è il bullet journal e come puoi usarlo per il tuo business]

Il Bullet Journal del matrimonio, o Bullet Journal della sposa è una tendenza che negli Usa e nel mondo anglosassone viene già praticata tantissimo (sono sempre avanti!) ma visto che ho trovato davvero poco materiale in italiano ho pensato di scriverne in maniera un po’ più dettagliata.

I 5 motivi per creare il tuo wedding planning bullet journal:

  1. PER ISPIRARTI. Durante i mesi dell’organizzazione del matrimonio ti passano sotto gli occhi centinaia di immagini e idee, perderle per strada è molto facile: annotale in una pagina dedicata!
  2. PER AVERE UNA VISIONE globale dell’avanzare dell’organizzazione del matrimonio: in un solo strumento! Traccia le attività svolte con un bel cuoricino e quelle ‘da fare’ saranno sempre di meno…
  3. PER NON SFORARE COL BUDGET. Tenere d’occhio i conti ti aiuterà a gestire meglio il budget evitando le spese superflue e concentrandoti sulle cose davvero importanti.
  4. PER ELIMINARE L’ANSIA di dimenticare qualcosa. E’ una delle paure più grandi e capita anche a me: avere traccia delle cose fatte e quelle da fare aiuta moltissimo, garantito! Dedicarsi ad un’attività creativa e scrivere aiuta anche a rilassarsi e attenuare lo stress.
  5. PER RICORDARTI con affetto e un po’ di nostalgia di quel periodo. Creare il tuo bullet journal è anche creare un bellissimo ricordo da rileggere ogni tanto!

Ora che ti ho certamente convinta: cosa ti serve per iniziare?

Continue Reading

Professione wedding

Perché odio il detto: Scegli il lavoro che ti piace e non lavorerai neanche un giorno della tua vita!

By on aprile 13, 2017

Comincio con una confessione: anche io, quando sognavo la mia figura di wedding planner in tailleur che impartiva ordini a destra e a manca tipo Signorina Rottermaier e si muoveva leggiadra fra mazzi di fiori costosissimi, candelabri d’argento e tovagliato di lino, ero convinta che un lavoro così bello e piacevole sarebbe stato anche relativamente ‘facile’ tanto da considerarlo un lavoro solo a metà.

Insomma, ero sicura che scegliendo e in un certo senso costruendomi il lavoro che tanto sognavo, sarebbe stato un lavoro sui generis, più piacevole che faticoso, più divertente che impegnativo, più soddisfacente che sacrificante.

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neanche un giorno della tua vita


Allora oggi il consiglio più sincero che posso darti se stai avviando l’attività dei tuoi sogni, è quello di non farti fregare nemmeno un momento da colui (secondo me è un uomo) che ha inventato questo proverbio fraudolento!

Continue Reading